Ciacarare modenese. L’overture di chi dà giudizi definitivi: ‘Mè ‘an sò gninta, però…

Mè ‘an sò gninta, però…’ : formula ‘cavallo di troia’ usata da un ‘a sò tòt mè’ per esprimersi su tutto lo scibile umano. Se qualcuno approccia una conversazione utilizzando ‘Mè ‘an sò gninta, però…’ , significa che è sicuramente in arrivo uno spiegone massacra-testicoli di rara possanza.

Ancora peggio se viene utilizzata la formula completa ‘alòra, stàmo a sintìir un c’an sà gninta…: immaginiamo di essere nel mezzo di una conversazione piuttosto intensa in cui, ad un certo punto, colui che potremmo definire ‘maestro di coloro che tutto sanno’ desidera entrare a gamba tesa sul simposio sciorinando un opinione da una tonnellata e mezzo con la quale tagliare la testa ad eventuali repliche. Per potenziare la vis del suo intervento, esordirà con ‘Alòra, stàmo a sintìir un c’an sà gninta…’per poi espellere giudizi tranchant meditati per decenni.

Ma perché autodefinirsi ‘uno che non sa niente’ prima di esprimere il proprio pensiero? Non è forse auto-penalizzante? No: serve a sottolineare che il pensiero sarà genuino e basico, quindi non mediato da preconcetti appresi da altri scassaminchia o da luoghi comuni, come si evince ad esempio da: ‘Mè ‘an sò gninta, però la muièra ed Gibertèin la g’ha da èser na gràn ciavèda’. L’overture ‘Mè ‘an sò gninta, però…’ si rivela ancora più impattante nel caso anticipi e sottolinei qualche opinione riguardo temi di grande importanza politica o sociale (vedi ad esempio: Mè ‘an sò gninta, però al Sindàch a forza ed strichér al strèdi… in màchina a’ns gira piò…l’è come strichèr al vèini d’un c’al g’hà di problema ed circolaziòun: come mìnim agh vìn ‘na trombosi…).

Alle volte, sempre per conferire forza espressiva al modo di dire, ci si può imbattere anche nell’aggiunta ‘Alòra a fàmm po’ prèma: mè ‘an sò gninta, però…’ e in quel caso aspettiamoci di trovarci di fronte ad un’opinione ancora più definitiva, dato l’aggiunta di ‘a fàmm po’ prèma’ (tradotto: facciamo poi prima, della serie bando alle ciance).

Pare che anche Socrate, nella Grecia Antica, prima di sfagiolare una sua spremuta di maruga, esordisse con ‘Mè ‘an sò gninta, però…

 

di Stefano Piccagliani

×

Seguici su facebook

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien